kamikaze-cocktail-food-pairing

Food pairing con il Kamikaze

IL DRINK - Kamikaze

Vento Divino” è l’opportuna traduzione del termine giapponese Kamikaze, vocabolo conosciuto e adottato in tutto il mondo per indicare il protagonista di un’azione suicida. Parola in uso della Seconda Guerra Mondiale, i kamikaze erano i temerari piloti giapponesi che si schiantavano contro le navi nemiche; sembra che il Vento Divino abbia però origine ben più lontane: secondo una leggenda nipponica, il Kamikaze fu la tempesta che si abbattè nel 1281 nel Mar del Giappone, impedendo all’esercito mongolo di invade il Giappone.

Termine curiosamente non utilizzato solo in patria, il Kamikaze è anche universalmente conosciuto per essere un celebre drink a base di vodka, con l’aggiunta di triple sec e succo di limone. Un termine tanto incisivo venne utilizzato dal barman Liam della Sala Elliot di Boston – tutt’oggi nota come Elliot Hotel – per definire la sua creazione, un drink servito in coppetta a base di vodka. La fama del drink non passò inosservato ad un rappresentante del marchio Smirnoff, che lo suggerì alla direzione per la stesura del nuovo libro dei cocktail suggeriti dal brand di vodka.

Il drink ottenne una visibilità molto ampia, tanto da essere incluso nella lista dei cocktail ufficiale IBA nelle edizioni del 2004 e del 2011, periodo nel quale il Kamikaze ebbe una fama planetaria, grazie anche alla versione shot del drink.

Ricetta del Kamikaze

Presentata con rapporti uguali, la ricetta del Kamikaze non ha mai subito variazioni, rimanendo fedele all’originale:

  • 3 cl Vodka
  • 3 cl Triple sec
  • 3 cl succo di limone

Attrezzatura: cocktail glass, shaker, strainer

Procedimento: versare Vodka, Triple Sec e succo di limone nello shaker con ghiaccio, agitare vigorosamente, filtrare nella coppa cocktail – raffreddata in precedenza – e servire. Alcuni preferiscono guarnire con una fetta o scorza di lime.

La parte di Triple Sec – liquore distillato in Francia per la prima volta nel XIX secolo – viene spesso fornita dal Cointreau, probabilmente il più famoso rappresentante del celebre prodotto.

Smirnoff fu l’azienda che contribuì alla diffusione del cocktail, così come fece per un altro celebre drink: il Moscow Mule. Senza Smirnoff i due drink non avrebbero avuto tale fama.

Il Kamikaze viene anche servito nella versione on the rocks, costruito con tecnica build direttamente nell’old fashioned colmo di ghiaccio.

IL FOOD: la parola alla Chef

L’elemento base di questo cocktail è la vodka, che si presta a molteplici abbinamenti, essendo un elemento secco e dal sapore neutro. Il triple sec ed il lime giocano e interagiscono invece con dolcezza e freschezza, per cui ho deciso di giocare con uno spettro di sapori che, in continua evoluzione, si intreccino con quelli del nostro cocktail, prima contrastandosi, poi avvicinandosi, come in una danza, un passo a due.

La ricetta per casa

Mezzemaniche con calamari, rucola e scaglie di parmigiano

[breve descrizione della ricetta]

Ingredienti:

  • mezzemaniche
  • calamari Boston
  • cipolla
  • rucola fresca
  • vino bianco
  • scaglie di parmigiano

Procedimento:

In una padella fai rosolare la cipolla finemente tritata e cuoci per pochi minuti i calamari puliti e tagliati a metà, sfuma con un pò di vino e lascia evaporare l’alcol; taglia il parmigiano a scaglie con l’aiuto di un pela patate. Aggiungi prima le scaglie di parmigiano poi la rucola, spegni il fuoco e salta la pasta con il condimento.

La ricetta per il locale

Insalatina di pollo cotto a bassa temperatura, mandorle tostate, uvetta, songino e salsa all'aglio e yogurt greco, senape al miele e parmigiano

[breve descrizione]

Ingredienti:

  • petto di pollo
  • insalata songino
  • lamelle di mandorle
  • uvetta
  • parmigiano stagionato
  • senape al miele

Procedimento:

La prima cosa da fare sarà pulire il petto di pollo e condirlo con un filo di olio, sale e pepe, rosmarino e aglio in polvere, poco poco, perché la cottura sottovuoto esalta tantissimo i sapori.

Cuocere per 4 ore a 63 gradi. Tostare le mandorle e pulire il songino, tagliare il parmigiano a scaglie, unire e mescolare due cucchiai di senape al miele, un cucchiaio di Yogurt greco, un filo d’olio, sale e pepe. Mettere in ammollo l’uvetta.

Terminata la cottura del pollo, abbattere in positivo poi aprire la busta, asciugare il petto di pollo e tagliarlo a listarelle. In una ciotola unire il pollo, il songino, le mandorle, l’uvetta strizzata e le scaglie di parmigiano, condire con poco olio, unire la salsa e mescolare di nuovo.

Servire con delle sfoglie di pane condite e tostate al forno.

Lo chef

Michela Mandolesi

Michela Mandolesi è una chef e una appassionata (e seguita) food blogger e food content creator, che vanta all’attivo numerose e importanti collaborazioni. Collabora inoltre come chef per 4 You Design, testando i prodotti ed esaltandone i valori; per questo motivo gira l’Italia per raccontarli, e proponendo le ricette della sua cucina ricca e creativa.

michela-mandolesi

THINK DRINK - COSTRUIRE UN DRINK

Scarica gratuitamente la versione redux del manuale

    Autorizzo all'invio della newsletter secondo l'informativa